Milano, 5 aprile 2016 – Durante l'incontro odierno promosso dal Prefetto di Lodi, Patrizia Palmisani, a cui hanno partecipato l'ingegner Marcello Strada del Ministero dello Sviluppo Economico- UNMIG, il Presidente della Provincia, Mauro Soldati, e i sindaci di Cornegliano Laudense, Borgo San Giovanni, Lodi, Lodi Vecchio, Massalengo, Pieve Fissiraga e San Martino, Ital Gas Storage ha annunciato che prenderà parte al progetto di monitoraggio sismico promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico in base alle disposizioni pubblicate dall'UNMIG (Direzione Generale per le risorse minerarie ed energetiche del MISE) "Indirizzi e linee guida per il monitoraggio della sismicità, delle deformazioni del suolo e delle pressioni di poro nell'ambito delle attività antropiche", alle quali la Società aveva aderito già lo scorso novembre su base volontaria.

L'attività di monitoraggio sismico andrà a rilevare sia la micro-sismicità in un raggio di 3 km dal serbatoio del giacimento, con un elevato grado di dettaglio e sensibilità, che la sismicità in un'area più ampia di 10-12 km, che comprende l'intero perimetro della concessione di stoccaggio.
La rete di monitoraggio che verrà installata sarà costituita da 9 nuove stazioni che saranno dislocate in diversi Comuni - tra i quali Cornegliano Laudense, Lodi, Lodi Vecchio, Massalengo e Pieve Fissiraga – e che andranno ad aggiungersi a quelle già presenti sul territorio di riferimento. Tali stazioni saranno equipaggiate con strumentazione sismologica tecnologicamente avanzata e con apparecchiature di teletrasmissione continua dei dati verso il centro di acquisizione ed elaborazione gestito dall'OGS e sito a Trieste.

Il servizio di monitoraggio sarà a regime entro la fine dell'anno, con largo anticipo rispetto alla messa in esercizio dell'impianto di stoccaggio del gas di Cornegliano Laudense. Come specificato dalle Linee Guida, è di particolare importanza registrare le cosiddette sismicità e micro-sismicità "di fondo", la cui analisi costituirà la base di riferimento per le successive rilevazioni della sismicità quando l'impianto di stoccaggio del gas sarà operativo.

Un altro aspetto importante riguarda la fruibilità degli esiti delle attività di rilevamento e di analisi del monitoraggio anche da parte del più ampio pubblico dei non addetti ai lavori, grazie alla realizzazione di un sito web ad esso dedicato.

Ad ulteriore supporto del progetto, due noti esperti si sono resi disponibili a far parte del gruppo che costituirà la Struttura Preposta al Monitoraggio, così come indicato dalle Linee Guida: si tratta del dottor Riccardo Lanari, Direttore dell'IREA (Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell'Ambiente), individuato per le sue elevate competenze nell'utilizzo della tecnica di telerilevamento InSAR, e del Professor Ezio Mesini del Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali dell'Università di Bologna, scelto per la consolidata esperienza nello studio dei fenomeni di subsidenza indotti da cause antropiche e dei giacimenti di idrocarburi.